Juve-Real 0-3

Volevo scrivere qualcosa a commento, un qualche tipo di analisi, ma non c’è molto da dire: hanno vinto i più forti.

Annunci

Informazioni su Stefano OssimoroJu29ro

Imparate a conoscermi dai miei scritti Vedi tutti gli articoli di Stefano OssimoroJu29ro

33 responses to “Juve-Real 0-3

  • steek hutzee

    Ripropongo quanto postato nel precedente Topic.

    “Chi è causa del suo ma pianga se stesso”
    Il primo gol segnato dal Real è da mettere su “scherzi a parte”. È scaturito da un’azione dei blancos da far vedere nella scuola calcio, per dire quello che non si deve e non si può fare in una partita di calcio: un’azione simile non si vede neanche nei campetti di periferia in un campionato di terza categoria. E il secondo gol del Real? Nato da uno svarione tra Chiellini e Buffon: lo prendi tu il pallone, lo respingo io, o lo diamo ai nostri avversari? Che poi CR7 realizzi il gol con una prodezza… tanto di cappello e applausi a scena aperta.
    Beh dopo l’espulsione di Dybala, per la seconda ammonizione, e il rocambolesco terzo gol dei madridisti, ho spento il televisore e… buonanotte al secchio.
    Caro figliolo Ale 75 – stante il numero 75 del tuo nick, che suppongo sia il tuo anno di nascita, hai l’età di mio figlio maggiore – non facciamo come certi tifosi di altre squadre, di cui conosciamo benissimo il nome, che si piangono addosso, accampando scuse di come poteva essere se… ma che non è stato. Il Real Madrid, il calcio spagnolo come pure in altri sport, attualmente sono superiori a quello italiano, e i fatti stanno lì a dimostrarlo. Mi auguro, anche se obtorto collo, che questa sera alla Roma in quel di Barcellona la sorte sia migliore.

    I have a dream, diceva un tale. Ebbene, mi piace sognare (l’età fa brutti scherzi) che noi si vada tra otto giorni a Madrid per giocarcela, arrivare alla fine dei tempi regolamentari sul tre a zero per noi, per poi nei tempi supplementari vincere ai calci di rigore, con l’ultimo decisivo per il Real sbaglialo da CR7. Già, I have a dream!

    Riflessione mattutina.
    Quando si ha “paura” dell’avversario, sarebbe opportuno smettere di giocare al calcio e di fare l’allenatore, altrimenti si corre il rischio di incorrere nel ridicolo e nel commettere castronerie nel tentativo di superare i propri limiti fisici e tecnici.
    Per la partita di ritorno consiglio ai pedatori nostrani e al mister di portarsi con loro le mogli, i figli, le fidanzate e compagne varie per fare una bella gita e visitare la città di Madrid!
    Ah, dimenticavo. Spiace ammetterlo, con la maledizione che ci perseguita, la Coppa dei Campioni non è per noi. E delle due vinte, una c’è costata 38 morti.

  • ale75

    anche io di fatto riscrivo quello che ho postato ieri sera alle 2245 nel topic precedente…mi pare che ieri sia la summa di tutto ciò che é Champions per noi…dolore / frustrazione / occasioni mancate / rigori dubbi…/ espulsioni (più o meno assurde) senza cadere nel piagnucolio tipico di altri lidi e altre tifoserie….e sopratutto la massima “tutto quello che può andare storto in CL … va stortissimo!” ditemi voi se in campionato la punizione di Dybala deviata dalla barriera non sarebbe finita dentro…
    ….un giorno messi e ronaldo smetteranno…chissà se noi saremo pronti..comunque alla fine portiamo a casa tre gol e due traverse a buffon battuto…quindi le chiacchiere stanno (sotto) zero…

  • Anonimo

    Nulla da dire, a mio avviso tra questo Real e la Juve c’è almeno una categoria di differenza, nel senso che quando lo desiderano loro fanno quello che vogliono di noi, giocano come vogliono, spingono come e quando vogliono. Poi è chiaro che hanno davanti un fenomeno della storia del calcio anche perchè, alla fin fine, devi buttarla dentro, ma la realtà è che mentalmente contro di noi partono sempre avvantaggiati in queste partite decisive. A bene vedere la Juve, anche nei senatori, non ha molti giocatori vincenti nelle partite secche fuori dall’Italia, io ho sempre pensato che le ultime due nostre finali di champions non siano state la vera espressione della nostra forza reale in europa, siamo andati ben oltre il nostro valore.
    Se poi vogliamo entrare in un discorso tecnico noi abbiamo schierato bisognerebbe risalire ad un’impostaizone, a mio avviso, non corretta delle nostre ultime due campagne acquisti, abbiamo perso l’occasione di esplorare un’idea diversa del gioco, ci siamo seduti su un gioco basato sulle soluzioni dei singoli, il che può andare bene per il livello italiano ma non può andare bene in europa dove ci sono squadre che hanno singoli con colpi migliori dei nostri. Non a caso si penso che abbiamo dovuto acquistare Matuidi per equilibrare la squadra a seguito di un mercato basato sostanzialmente sulle occasioni e non su un vero progetto di gioco e poi contro il Real lo stesso Matuidi non è nenache partito titolare.
    In Italia si può vincere ancora per molto, anche se prima o poi capiterà di perdere, non capisco però questa mancanza di voglia di volere esplorare delle soluzioni differenti.
    Jo, uno dei barboni

  • steek hutzee

    OT ma non tanto.
    Premetto che Bonolis, lo sfinterista, è un fenomenale equilibrista, perché nosostante io faccia di tutto per farlo cadere, niente da fare, lui mi rimane sempre sulla punta del ca zeta2 o! Ebbene il fenomeno circense, se n’è uscito con la battuta del solito tifoso anti juventino, dicendo: “L’Ascoli ha battagliato contro il Real Madrid”. Al che sorge spontanea la domanda: la tua sfintere invece con quale squadra ha battagliato?
    A Bono’, un consiglio spassionato e sincero: comincia a caminare con passi lunghi e ben distesi e… vattene a fareinculo!

  • steek hutzee

    OT.
    Di seguito quanto riportato da un’Agenzia di stampa (Ved. pié di pagina).
    Se può interessare…

    “L’ex arbitro Piero Ceccarini ai microfoni di Premium Sport torna a parlare a quasi 20 anni di distanza dalla controversa Juventus-Inter del 26 aprile 1998 e dal famoso contatto tra Iuliano e Ronaldo, rivendicando la sua scelta di non fischiare il rigore.

    “Oggi, dopo che è passato molto tempo, confermo che quello che ho visto in campo corrisponde alla realtà delle cose, se si vuol parlare di un contatto fisico. E arrivo a dire che il mio errore è stato quello di non aver dato calcio di punizione a favore della Juventus, perché il fatto di non aver fischiato ha fatto pensare che io abbia visto il fallo di Iuliano e non abbia voluto concederlo. Invece io ho proprio visto il contrario. Se fossimo stati nel basket sarebbe stato fallo di sfondamento di Ronaldo, che poi sono le parole testuali che dissi in campo a Pagliuca”.

    Ceccarini afferma che la VAR gli avrebbe dato ragione: “In realtà la VAR in quell’occasione c’è stata e mi meraviglia che nessuno l’abbia preso in considerazione o abbia fatto finta di niente: in diretta e durante il replay dell’episodio il telecronista di allora, supportato da Collovati e da Chiesa, ex arbitro, ha detto che non era calcio di rigore”.

    In quei giorni esplose una polemica clamorosa: “Mi sono stupito più che altro delle proteste piuttosto intense da parte dell’Inter. Ma sono soprattutto dispiaciuto di non aver potuto spiegare la mia versione subito dopo la partita. Non è stato possibile perché gli arbitri vivono in un castello circondato da alte mura: io avevo proposto di fare una conferenza stampa per parlare solo dell’episodio dal punto di vista tecnico, senza fare polemica o entrare in altre questioni, ma la mia proposta non è stata presa in considerazione. Nei giorni successivi, da parte dei vertici arbitrali e dalla Federazione c’è stato un silenzio assordante che mi ha fatto male”.

    Immediata la replica di Gigi Simoni, che allenava l’Inter in quel periodo: “L’intervista di Ceccarini è una comica, siamo nel mondo dei sogni. Meno male che ha smesso questo arbitro, poteva fare altri danni. È irriverente, non ha la saggezza di chiudere la bocca, non ha il buon senso di chiudere questo discorso, non ho parole. Ha un bel coraggio. Il mondo intero conosce la verità, anche tanti juventini che mi incontrano lo ammettono. L’ho incontrato l’altra sera e l’ho salutato per educazione. Senza parole. Meglio se sta zitto”, le parole a Radio Kiss Kiss.”

    SPORTAL.IT | 06-04-2018 12:20

    Beh veramente il comico è il sedicente allenatore pallonaro Simoni, che ancora non digerisce quello che lui ritiene sia un rospo! Gli è stato spiegato e rispiegato che, ammesso e non concesso che Ronaldo o chi per lui avesse trasformato il rigore, la partita sarebbe finita in pareggio, fermo restando il loro secondo posto in classifica, quindi NON modificandola affatto. La Sfinter seconda era e tale è rimasta a fine campionato, e a cinque punti dalla Juve! E se qualche tifoso presunto juventino gli dà ragione, è semplicemente per prenderlo per i fondelli (altro eufemismo). Oppure, in ultima analisi, per commiserazione evitando così di infierire sugli infelici.
    Simo’ te capì? Mucchela lì (dicono a Milano) di rompere gli zebedei (eufemismo), fattene una ragione per vivere serenamente il resto della tua vita.

  • Ale75

    OT:leggo della scomparsa di ignazio scardina. Francamente non sapevo fosse coinvolto in farsopoli. Chi ha giocato in quegli anni con le vite delle persone mi auguro abbia prima o poi coscienza delle piccole e grandi tragedie che ha provocato.

  • ju29ro+6 e antico

    Buon giorno fratelli: la probabilità che avvenga un miracolo è, per definizione di miracolo, estremamente bassa. Quella che ne avvengano due ne è circa il quadrato e quindi è ancora più bassa, tanto da essere insignificante.

    Dato che un (quasi) miracolo è già accaduto ieri sera, io dal Bernabeu mi aspetto meno di niente, e del resto voi sapete bene che della CL meno di niente m’importa.

    Il “quasi” che ho messo tra parentesi vuol significare che con un Barcellona così scarso come è stato ieri sera e come era già stato anche nella partita di andata, nonostante le bugie del risultato, non penso si possa parlare davvero di “miracolo” in senso stretto, ma piuttosto della logica conseguenza del confronto tra una squadra migliore e una peggiore: Messi che si prende un cartellino giallo per avere strattonato un avversario che gli porta via il pallone come si farebbe all’ultimo dei pivelli è l’emblema di quanto ho asserito.

    Per noi è diverso: primo perché andiamo in trasferta, e non in casa; secondo perché nemmeno il 3-0 ci basta (ci manderebbe solo ai rigori) e terzo perché mi sa che Cristiano Ronaldo stia molto, ma molto meglio rispetto a Messi.

    Comunque voglio suggerire ai fratelli che alla CL ci tengono di mettersi definitivamente il cuore in pace: NON È PER NOI, neppure a livello di politica societaria. Non prestate troppa attenzione a quando i nostri dirigenti dicono che la CL è un obiettivo da porre nel mirino: questa teoria è in flagrante, FLAGRANTISSIMA, contraddizione con la necessità, più volte ripetuta, di VENDERE almeno un giocatore importante all’anno: quest’anno toccherà a Dybala, già me lo sento, dopo i vari Pogba, Vidal, Morata etcetera etcetera… Penelope a noi fa un baffo.

    La rosa del Real Madrid è sostanzialmente LA STESSA da un numero di anni di cui si perde il conto e loro, quando RARAMENTE vendono un giocatore forte, ne comprano sempre, al suo posto, un altro PIÙ GIOVANE e PIÙ BRAVO.

    Pertanto, fratelli, prima vi rassegnerete e meno vi roderete il fegato.
    E non vi illudete quando dite che prima o poi Ronaldo e Messi smetteranno, perché ce ne saranno altri e non giocheranno per noi: magari saremo stati proprio noi a venderglieli. Ricordate Zidane?

    Se poi, fra qualche altro decennio, quando io sarò trapassato, ci accadrà di vincerne UNA sarà solo una fluttuazione statistica perché nel frattempo gli altri ne avranno vinte altre OTTO cadauno. È ESATTAMENTE quello che accade in Italia, relativamente agli scudetti, tra noi e gli altri.

  • ju29ro+6 e antico

    Ah, un’ultima osservazione a proposito dell'”outing” di Ceccarini.

    ERA ORA che lo dicesse: è dal giorno stesso dell’evento che sostengo che si trattava di fallo di Ronaldo su Iuliano.

  • ju29ro+6 e antico

    Vediamo i lati positivi:

    1)
    Abbiamo AMPLISSIMAMENTE riscattato l’onore.

    2)
    Ci siamo evitati i tempi supplementari, in vista della Sampdoria: tanto la maledetta avrebbe comunque escogitato qualcos’altro, come sempre, per mettercela in quel posto.

    3)
    Buffon, probabilmente, non dovrà scontare la squalifica.

  • Aldo

    Fratelli, ho finito le bestemmie conosciute, qualcuno mi aiuta a coniarne di nuove?

  • AP21

    A me nessuno lo toglie dalla testa: finché collina sarà il designatore europeo non vinceremo una fava. Ci ha mandato brych col tottenham, cakir all’andata e il pessimo, e io dico istruito, oliver al ritorno. Avete notato che ci ha pensato qualche secondo prima di darlo?

    Ciò detto, sono orgoglioso dei nostri colori. Avevo persino il dubbio che valesse la pena guardarla, anche se è real-juve e al mondo in quanto a puro blasone difficilmente si trova di meglio. Invece me la sono vista tutta in piedi ed in silenzio, fino al rigore. Pensavo “nell’extratime mette cuadrado per mario e cambia khedira, facciamo il quarto e li stracciamo”. Ma improvvisamente è successo come quando ti svegli da un sogno; la lista dei furti dei blancos ai nostri danni è lunghissima.

    Bayern, roma e liverpool. Sicuri che nemmeno quest’anno si potesse fare?

  • Anonimo

    Nulla da dire per ieri. Ovvio che rimane l’amarezza e la delusione cocente perché, alla fine, sono passati loro ma abbiamo dato tutto ed anche di più, questo è quello che voglio dalla mia squadra, il risultato poi sarà una diretta conseguenza. L’augurio è che si sia imparata la lezione, ossia che ci si debba togliere dalla testa le paure ed i timori reverenziali, quelli che ci hanno spesso bloccato in Europa, per ora mi basta che i tifosi esterni e soprattutto all’estero si siano dimostrati ammirati dalla nostra performance a livello internazionale.
    Non mi va’ di addentrarmi in discorsi tecnici, Manzo era evidentemente bollito da 15 minuti, sicuramente Chiello non doveva fare quel movimento in avanti non coordinandosi con Benatia uscendo dal centro dell’area all’ultimo minuto lasciando sguarnito il centro, forse dopo lo 0-3 non dovevamo arretrare (ci sono però anche gli avversari in campo e si chiamano Real), forse…..
    Spiace perché dopo un recupero simile meritavamo sicuramente almeno di giocarcela ai supplementari dove avremmo avute due cambi da giocarci con, ad esempio, Cuadrado fresco a puntare qualcuno di loro.
    Dell’arbitro non mi va’ di parlare, ha sicuramente dimostrato poca personalità ma a memoria non ricordo un torto subito dal Real Madrid in 30 anni di coppe, anzi ricordo solo molti favori (per non parlare del gol nella finale ad Amsterdam…), oltre a ciò se all’andata avevo ammirato Cristiano Ronaldo non capsico come un arbitro (per di più inglese) possa accettare queste continue proteste e manfrine senza fare capire chi comanda in campo, le sue proteste nel primo tempo sull’inesistente contatto in area con Benatia meritavano il giallo così come all’andata è stato dato a Dybala. Poi il rigore se l’arbitro vuole lo si può anche fischiare ma a parti invertite sono abbastanza certo che a noi non l’avrebbero dato, così come non ce l’hanno dato a Cuadrado all’andata.
    Spiace anche che Buffon sia stato espulso così, l’ha insultato ma dopo l’espulsione, anche se poi non ho approvato le sue dichiarazioni di fronte alle telecamere, capisco la sua amarezza per non essere riuscito ad alzare la coppa ma si vedeva che era troppo alterato, in certi casi meglio non parlare perché si rischia di rovinare la propria immagine, molto meglio la reazione di Allegri il quale di fronte alle telecamere mi piace sempre di più.
    Orgoglioso dei ragazzi e di essere tifoso di questa Juve.
    Jo, uno dei barboni

  • Anonimo

    comunque al real si sentono così impuniti che Ramos scende comodamente a bordo campo da squalificato, vediamo ora se lo squalificano di nuovo
    Jo, uno dei barboni

  • steek hutzee

    E la maledizione continua. La qualificazione alle semifinali ce la siamo giocata a Torino. Mi consolo pensando che ai tempi supplementari saremmo stati eliminati comunque, perché noi si sarebbe cercato il quarto gol scoprendoci in difesa, come d’altronde è successo nella vicenda del calcio di rigore.
    Una cosa che non mi è andata giù, sono state le sceneggiate delle proteste dei pedatori Juventini, specialmente quelle di Buffon. Dato che in CL non è previsto il Var, le proteste erano fuori luogo e inutili. E allora vale quello che il bravo mister Boskov disse, che “rigore è quando arbitro fischia”. Si credeva che protestando come degli assatanati, il “fischiettaro” si rimangiasse la decisione presa? Suvvia, siamo seri!
    Domenica c’è la Samp, mi auguro che i nostri non ne risentano psicologicamente e fisicamente. Si è persa la capra, cerchiamo di salvare almeno il cavolo.

  • Aldo

    Bisognerebbe ricordare ai nostri ragazzi (e ai nostri dirigenti) che il verdetto del campo si rispetta sempre. Oppure vale tutto, anche er go’ de turone.

  • GMSG1969

    Attenzione ragazzi. Oggi fondamentale portare a casa i tre punti, voglio proprio vedere se saremo davvero lucidamente famelici dopo la “beffa di Madrid. Vedarèm.

    • GMSG1969

      Rinnovo il mio auspicio per questa sera.Manchetebbeto in realtà 6 punti nelle prossime due per festeggiare. Tocchiamoci!

  • GMSG1969

    Mamma mia. Inconcepibile prestazione e conseguente risultato. Ben più grave del pareggio di Ferrara, anche considerando che siamo andati in vantaggio. Insomma, se non vinciamo domenica sera, per me il settimo rimarrà un sogno. Sono senza parole.

  • steek hutzee

    Lo so che quando si è incazzati si deve contare fino a dieci prima di parlare, ma la Juve di questa sera contro la Benevento calcio (seria candidata alla serie B) è la solita che quest’anno abbiamo visto con squadre di medio – basso livello tecnico, ma che in campo sopperiscono alla differenza tecnica rispetto ai più quotati (!) pedatori juventini, mettendoci corsa, freschezza fisica e atletica, con l’abbronzato che ti fa gol alla CR7! Ma che accidenti di formazione ha messo in campo Allegri. Non si può giocare con una mediana composta di Sturaro, Marchisio e Matuidi. Non si può scendere in campo pensando sempre all’incontro successivo, snaturando l’assetto tecnico-tattico della squadra. Che senso ha mettere in campo Bernardeschi a tre minuti dalla fine della partita, quando era lapalissiano che Dybala si doveva sostituire prima, essendo marcato a uomo e in ogni zona del campo. E D. Costa che sembra mister Hyde e il dottor Jekyll? Due calciatori, uno completamente diverso dall’altro!
    Sinceramente ho molti dubbi che la Juve possa vincere lo scudetto. Cinque partite alla fine del campionato, quindici punti a disposizione e la Juve dovrebbe farne non meno di dodici, ammesso e non concesso che il Napoli vinca a Torino e tutte le altre. Sono pessimista? No, sono realista, poiché con l’età che ho, in passato la Juve mi ha fatto ingoiare bocconi amari, che ancora ne sento il sapore!

  • ju29ro+6 e antico

    E ancora, e ancora, e ancora abbiamo riaperto un campionato che sarebbe stato seppellito con un risultato adeguato alla differenza di caratura delle due formazioni.

    Ennesima regalìa di punti inutili a una retrocedenda.

    Speriamo che finisca come le altre volte e che, prima o poi, non venga applicato il detto “tanto va la gatta al lardo” con quel che segue e cui non voglio pensare.

    Capisco le apprensioni del fratello steek hutzee, perché sono della sua generazione e conosco altrettanto bene le esperienze che cita alla fine del suo scritto. Voglio provare a essere meno pessimista di lui augurandomi che i nostri stessero ricaricando le batterie per domenica.

    Altrimenti, se fornissimo una prestazione indecorosa come quella di Crotone, finirebbe per essere giusto che si perda.

    • steek hutzee

      Big Brother, io, come tutti del resto, non sono “nato” pessimista, ma è che alcune vicissitudini della mia vita hanno fatto sì che io potessi dire: “Pensa al meglio ma preparati al peggio”. E veniamo alla Juve. Io mi auspico che domenica si vinca contro il Napoli. Io la vedo dura, e cerco conforto nel ripensare alla partita giocata a Madrid: ecco, allora nulla c’è precluso.
      Vincendo la partita di domenica, si andrebbe a sette punti di vantaggio, e ammesso e non concesso che noi si perda contro la Sfinter e la Roma, saremmo un punto avanti. Considerando le due partite rimaste da giocare all’Allianz Stadium contro il Bologna e il Verona “abbordabili”, il settimo scudo non dovrebbe sfuggirci. Sempre ammesso e non concesso che il Napoli poi le vinca tutte.
      Dalle mie parti in vernacolo tra il marchigiano e abruzzese, diciamo: “Pozza ji bbè”!

      P.S. Vista la nostra “buona” stella nelle varie finali di qualsiasi coppa, il 9 maggio c’è quella per la Coppa Italia contro il Milan. Beh, avremo tempo per riparlarne.

  • Ale75

    Fra le nostre doti abbiamo anche la ambizione di resuscitare i moribondi…Fra mille peripezie mi sono regalato l’ultima mezz’ora di Crotone….pensa che c.ulo…

  • steek hutzee

    Non oso immaginare quello che potrebbe succedere se questa sera si dovesse perdere contro il Napoli. Anche un pareggio andrebbe bene, perché in caso di arrivo a pari merito, vale la regola degli scontri diretti, o no?
    Altrimenti parafrasando il sommo poeta, mi viene da dire: “Perdete ogni speranza o voi che soccombete”!

  • ju29ro+6 e antico

    Vorrei sapere perché perdiamo così tanti palloni e perché loro hanno PERENNEMENTE un uomo liberissimo cui passare il pallone…

    (minuto 67, ossia 3/4 di gara)

  • ju29ro+6 e antico

    … e poi vorrei anche sapere che cosa diavolo ha, o NON ha (forse, le p***e?) , Dybala.
    Vuole andare ai mondiali? Non è questa la strada.
    Vuole andarsene dalla Juventus? Con queste prestazioni non lo cercherà nessuno, a meno che non sia già d’accordo con qualche club dei soliti.

  • ju29ro+6 e antico

    Mi duole tantissimo dirlo…
    ma ce lo siamo meritato.

  • steek hutzee

    Bene, dopo tre scudetti vinti è tempo che Allegri cambi aria, per il bene suo e per tutta la squadra. Le vittorie hanno sempre mascherato il NON gioco della squadra, e in tre anni quelle poche volte che hanno dimostrato il contrario si possono contare sulle dita delle mani. Il Napoli ieri sera ci ha surclassato in tutto e per tutto: pressing asfissiante a tutto campo, azioni di una semplicità e linearità disarmanti, con due tre passaggi erano già al limite della nostra area, mentre noi non si riusciva a fare più di due passaggi di seguito. Non si può lasciare il pallino del gioco agli avversari per oltre il 70% della partita e per giunta giocando in casa, perché prima o poi la difesa della Juve fa l’immancabile cappellata e… zac è arrivato il gollonzo, questa volta di testa, del solito colored. E la Juve? Neanche un tiro in porta nell’arco dei novanta minuti!
    I mister delle altre squadre ormai hanno capito che i nostri pedatori se pressati vanno in ambasce, e che non sanno trovare o che non hanno i dovuti errata corrige per rimediarvi. Ed ecco le domande che mi sono posto ieri sera al termine della gara.

    1) Il subire il gioco avversario per la quasi totalità della partita, è una tattica voluta o subita?
    2) Sbagliare la formazione iniziale della squadra è un fatto occasionale o è una peculiarità di Allegri?
    3) La sfortuna ha voluto che i partenopei segnassero all’ultimo minuto, oppure la fortuna ha fatto sì che si ridimensionasse la sconfitta nel numero di gol che si sarebbe subiti?

    Io dico che il tempo delle “mele” è finito. Matuidi: un giocatore simile, scoordinato nei movimenti e soprattutto nel calciare la palla, non è da Juve. D. Costa: l’ho già detto, per me è un mistero, a volte è mr. Hyde a volte i dott. Jekyll, ed è sufficiente vederlo giocare una decina di minuti e il mister avversario sa prendere le giuste misure e ridimensionarlo, per cui non è da Juve. Dybala ormai ha fatto il suo tempo alla Juve, almeno fino a quando Allegri ne sarà il mister: fuori forma fisica, fuori ruolo e fuori dal gioco della squadra, specialmente quando è marcato a “uomo”. Higuain “poraccio” che vaga per il campo cercando qualche pallone giocabile: in sostanza gli tocca portare la croce e pure cantare. Benatia che soffre di amnesie difensive e che nel perenne tentativo di anticipare l’avversario di turno commette dei falli ingenui che immancabilmente gli costano l’ammonizione. Basta, non voglio più rigirare il coltello nella piaga perché il nervosismo avanza a passi lunghi e ben distesi, e se continuassi ben pochi elementi dell’attuale formazione si salverebbero. Cambiare sette/otto undicesimi dei calciatori? No si può, ed ecco il perché si cambia il mister.
    Noi lo scudetto ce lo sogniamo, perché non credo proprio che si vada a Milano contro la sfintere e la sfanghiamo, come pure a Roma contro i capitolini. E siccome contro le cosiddette “piccole squadre” non è che “brilliamo” di luce propria, nei due turni casalinghi contro il Bologna e il Verona la vedo affatto facile. E pur considerando l’attuale Milan una squadra mediocre, temo anche per la finale della Coppa Italia. Dal triplete allo “zeroplete”? Staremo a vedere!

    Riflessioni
    In merito a quanto scritto nei giorni scorsi, sembra che io possegga un certo quarto senso, oppure sono le esperienze vissute nella mia non più verde età che a volte mi fa essere un facile profeta, per cui “vedo e prevedo” che la Roma potrebbe vincere la CL, mentre noi negli ultimi tre anni, due finali perse, per non parlare della altre sei.
    Con i pareggi di Ferrara e di Crotone ci siamo giocati (?) il settimo scudetto. L’unica magra consolazione è che il secondo posto in classifica è al sicuro: si parteciperà anche la prossima stagione alla CL. Evviva!

    P.S. Se sarò smentito dai fatti, sono pronto a indossare il cilicio del penitente per un anno intero.

  • Aldo

    Fratelli, per lavoro sono oltre oceano da più di due mesi per cui non riesco a vedere le partite e seguo i nostri ragazzi solo tramite risultati e youtube (j3s radio). Per cui domando a voi: davvero siamo così scadenti? Davvero moriremo tutti? Cos’è, la condizione atletica? Quella mentale? Sia chiaro che a me Allegri piace moltissimo, ma cosa succede? I giocatori non lo seguono più? I cicli, si sa, a un certo punto finiscono, per cui me ne farò una ragione, ma mi sembrava che la campagna acquisti fosse stata positiva…boh. Comunque fino alla fine Forza Juventus. Siamo ancora davanti e artefici del nostro destino!

  • Anonimo

    a parte la prestazione indecorosa sia tatticamente che fisicamente quello che mi preoccupa è che sembra che la squadra sia scarica mentalmente e fisicamente, se no non si spiegherebbe la partita di Crotone e praticamente la totale passività contro il Napoli. Comunque lo scopriremo molto presto, sabato contro i cartonati prescritti. Teniamo conto che ora tutti giocheranno per farcelo perdere, dipende come al solito solo da noi. Non so sinceramente quale sia la spiegazione per queste prestazioni abuliche di Dybala, comunque anche dovere giocare una partita decisiva con Asamoah e Licht dimostra che qualcoa non va’, Licht è praticamente a terra da un paio d’anni, grandi ringraziamenti per quello che ha fatto per noi ma non ha più la tenuta fisica che lo sostiene e quindi è un danno unico, gli avversari non a caso giocano sempre dalla sua parte. Del non gioco di sabato non mi va’ di parlare, quando Allegri ha esordito in conferenza stampa pre partita dicendo che noi avevamo due risuati a disposizione avevo capito che puntava al pareggio, purtroppo non riesce a togliersi di dosso questa idea di dovere speculare sempre sul risultato, mi immagino anche la pubblicità fatta all’estero con una prestazione simile. La verità è anche che quest’anno abbiamo fatto più punti di quelli legati alle nostre prestazioni effettive, troppo spesso ci siamo basati solo sulle invenzioni dei singoli. Non capisco neppure la sostituzione di D. Costa, l’unico un po’ vivo davanti. Comunque vediamo cosa ne esce da sabato n poi, sempre fino alla fine forza Juventus.
    Jo, uno dei barboni

  • steek hutzee

    Eppure ci dobbiamo aver fatto il callo che a ogni vittoria della Juve c’è sempre lo “zampino” dell’arbitro. Ed ecco la dietrologia: il fratello di Orsato è uno sfegatato juventino, come del resto tutta la genia Orsato, ed era presente allo stadio Meazza con mano una ricetrasmittente collegata con quella del fratello in campo. Ergo: i designatori arbitrali, pur a conoscenza del fatto, ma essendo anch’essi tutti tifosi juventini, che ti fanno? Mandano lo juventino Orsato a dirigere la partita con gli sfinteristi. Ah, poi c’è l’interpretazione del labiale tra Allegri e Tagliavento: quindi? Ed ecco la combine, ecco il pappa e ciccia con la classe arbitrale. E per completare l’opera, non poteva mancare la bufala (?) che il solerte procuratore federale, tal Pecoraro – quello del falso in atti di ufficio per il caso Agnelli, che non paga pegno perché i cani non si mangiano tra loro – sembra voglia aprire un’indagine per chiarire il tutto. Perché? Perché la Juve non si doveva azzardare a volare nel nido del cuculo. La squadra del Napoli calcio era la predestinata perché vincesse lo scudetto, e mancando tre partite al termine del campionato, voi dite che è finita? Io dico di no, perché trattandosi della Juve, ne vedremo delle belle!
    P.S. Tre partite, nove punti in palio: alla Juve ne bastano quattro e con due partite non impegnative da giocare all’Allianz Stadium. Riusciranno i nostri “impavidi eroi” nell’ardua impresa? Ammesso e non concesso che la Napoli calcio vinca le restanti tre partite!

  • steek hutzee

    Con riferimento alla partita tra l’Inter e la Juve, ecco una perla estrapolata dalle dichiarazioni di De Magistris sindaco di Napoli, quindi personaggio istituzionale: “Forti e potenti perché rubano … loro invece si sentono forti e potenti rubando, con furti di Stato o di Calcio”. Per quanto riguarda i furti statali, suppongo che si riferisca agli interventi dello Stato a favore della Fiat durante i periodi di crisi dell’auto (Cassa integrazione). Non ho mai letto o saputo che i dirigenti della Fiat si siano introdotti nottetempo nel caveau della Banca d’Italia e si siano impossessati d’ingenti somme delle vecchie Lire. Se la Fiat ha avuto dei soldi dallo Stato italiano, come del resto tutte le altre aziende in difficoltà, è perché c’era (c’è) la Legge che, previa presentazione della relativa documentazione, glielo consentiva. La Juve squadra ruba la partita: bene, a domanda di come facciano undici giocatori a “rubare” una partita, nessuno me l’ha saputo spiegare. Se dicessero che la Juve non “meritava” di vincere la partita, non sarebbe più corretto e onesto? E la stampa faziosa e prezzolata? Di giornalisti seri, onesti intellettualmente e professionalmente, purtroppo, ce ne sono rimasti ben pochi. Tutto il resto è formato da giornalai faziosamente tifosi e anti juventini che, accecati dall’odio, non sanno più separare i fatti dal loro essere tifosi della peggiore specie. Salvo poi piangere quando ci scappa il morto. Prima seminano zizzania e poi fanno finta di pentirsene: ipocriti della peggiore specie!

    P.S. Caro presidente A. Agnelli, non ci sono i presupposti per querelare l’ex magistrato (figurati) sindaco di Napoli? Ha dato del ladro a te, alla tua famiglia, e a tutto lo staff tecnico inclusi i giocatori della Juve.

    “E quando cercano
    opprimerti
    E quando ci provano
    per distruggerti,
    Alzati e risorgi
    e di nuovo
    Come la Fenice
    dalle ceneri
    Fino agli agnelli
    sono diventati leoni
    e la regola delle tenebre
    non è più”
    – Maitreya The Friend of All Souls, Il Sacro Libro del Destino.

  • steek hutzee

    Da TuttoJuve.

    “… per far ripetere la gara di San Siro tra i nerazzurri e la Juventus guidati dagli avvocati Angelo e Sergio Pisani che intendono far partire una classe action. Ecco la petizione:

    “L’arbitraggio offende i valori dello sport. Presenteremo un esposto a firma di migliaia di tifosi non solo i napoletani per chiedere alla Federazione Gioco Calcio, come già fatto in casi meno eclatanti dall’UEFA di decretare l’annullamento e la ripetizione della partita di Milano falsata da decisioni arbitrali ingiustificabili.Quello che e’ accaduto al San Siro è inaccettabile e va condannato con fermezza Ci rivolgiamo alle istituzioni per denunciare quanto accaduto e chiedere il rispetto delle regole contro condotte illegittime che possono falsare il campionato di calcio mortificando i valori dello sport. La maxi azione legale, sul modello delle class-action americane, cioé una causa di gruppo, è stata definita dai fratelli Pisani “l’azione del popolo contro il solito sistema oscuro ” e si preannuncia di grosse proporzioni: pensiamo di arrivare a 50 mila firme e non sarà difficile vista la delusione e lo sconcerto dei veri appassionati dello sport sano. Sarà una delle cause più grandi avviate in Italia. Il procedimento legale, che , ammissibile o meno anche solo per conoscenza , sarà notificato a tutti gli organi istituzionali, non ha come obbiettivo primario il risarcimento economico: I tifosi non vogliono soldi – spiegano i legali – desiderano solo che sia fatta giustizia e che le regole almeno quelle sportive siano uguali per tutti”.”

    Cioè si passa dal ridicolo al patetico. Sono napoletani e quando chiagnene e non possono fottere danno fuori di testa, ma di brutto brutto brutto! Comunque sia, sono d’accordo perché si faccia il processo, così rivedendo la gara si saprà quali e quanti sono gli episodi favorevoli alla Juve e quanti e quali all’Inter. E ci rimarranno di mer…bip.
    Ho chiesto tramite facebook ai lamentosi tifosi napoletani (se la loro squadra ha perso a Firenze, che accidenti c’entra la Juve: boh!) e interisti di elencarmi i fatti eclatanti che avrebbero favorito/sfavorito la Juve e quelli che invece avrebbero favorito/sfavorito l’Inter. In chiusura della richiesta precisavo che stavano vincendo la partita a cinque minuti (dieci con il recupero) dal termine della gara, se l’avete persa, chiedete il perché al vostro Mister. E poi, avete avuto una ghiotta occasione per pareggiare la partita e l’avete sciupata. Chi è causa del suo mal pianga ecc.
    Ebbene, sto ancora aspettando le risposte.

    Ragazzi, manteniamo la calma e gesso, perché con tutte la polemiche che ci sono state, ci sono e ci saranno, ho paura per la partita di sabato sera contro il Bologna. Questa è una di quelle che non si deve sbagliare assolutamente, perché contro la Roma sarà più dura che con l’Inter, e se non si provvederà agli “errate corrige”, stavolta l’uccello padulo a volare di dietro ce lo ritroveremo noi.

    P.S. Eilà, young men, come mai questo assordante silenzio, colpa del ponte?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: